Il binario mai visto
binario-21Fino a quattro anni fa nessuno avrebbe mai pensato di entrare in quei locali spogli e bui dei sotterranei di via Ferrante Aporti da dove era partita per Auschwitz-Birkenau Liliana Segre con tanti altri. Dal 2013 il binario 21, un tempo deposito delle Poste Italiane, è un memoriale aperto al pubblico. Un luogo dove fermarsi di fronte alla parola “indifferenza” voluta dalla signora Segre all’ingresso del monumento; un posto utile ai grandi e ai più giovani per comprendere, per fare memoria, per fare silenzio.

INDIETRO

Giorno della Memoria, 10 modi per saperne di più: film, luoghi e libri (anche per spiegare la Shoah ai bambini)

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata della Memoria, i volenterosi carnefici di ieri e di oggi

next
Articolo Successivo

Giorno della Memoria, la storia dei 70 ragazzi di Villa Emma: salvi grazie agli abitanti di Nonantola

next