La risiera da non dimenticare
risiera-san-sabbaFino al settembre del 1943 a Trieste era conosciuto da tutti come lo stabilimento per la pilatura del riso ma dopo quell’anno la risiera è diventata un campo di smistamento dei deportati. Andra e Tatiana Bucci, le sorelle arrestate a 4 e 6 anni a Fiume, ricordano bene le celle che ancora oggi si possono vedere. Un’esperienza unica, toccante, disarmante. Un luogo per capire cos’è accaduto in Italia in quegli anni.

INDIETRO

Giorno della Memoria, 10 modi per saperne di più: film, luoghi e libri (anche per spiegare la Shoah ai bambini)

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata della Memoria, i volenterosi carnefici di ieri e di oggi

next
Articolo Successivo

Giorno della Memoria, la storia dei 70 ragazzi di Villa Emma: salvi grazie agli abitanti di Nonantola

next