I PARCHI NAZIONALI – Il Parco nazionale del Gran Sasso ha ricevuto il premio per il ‘Passaporto dei Parchi’, iniziativa che coinvolge Abruzzo, Marche, Lazio: un vero e proprio ‘documento di viaggio’ che, oltre a dare diritto ad agevolazioni esclusive, suggerisce al visitatore quelle attività che mostrano una particolare sensibilità nei confronti dei temi della biodiversità. In Liguria, il Parco nazionale delle Cinque Terre ha portato a casa il riconoscimento grazie al progetto ‘La Cinqueterre Card, dal turismo all’agricoltura, alla mitigazione del rischio e a favore dell’integrazione’. Parte dei proventi della carta multiservizi (che permette di accedere al trasporto di mobilità sostenibile, alla rete sentieristica del Parco e di usufruire del servizio wi-fi) vengono dirottati su due iniziative prettamente agricole. La prima permette al Parco “di assegnare agli agricoltori le pietre per la ricostruzione e il mantenimento dei muretti a secco e facilitarne il trasporto con l’elicottero nei siti di difficile accessibilità”; la seconda consiste nell’istituzione della Banca del Lavoro che offre ai richiedenti “la disponibilità gratuita di personale qualificato a supporto delle attività agricole di recupero e manutenzione dei terrazzamenti ricadenti nei Comuni di Riomaggiore, Monterosso al Mare e Vernazza”. Tra Marche e Umbria, il Parco nazionale dei Monti Sibillini è stato premiato per il progetto ‘Hotel del Camoscio’, che si collega agli interventi di reintroduzione del camoscio appenninico nell’area dei Sibillini e agli impegni nell’ambito della Carta europea per il turismo sostenibile. Il Parco nazionale della Majella, in Abruzzo, ha ricevuto il riconoscimento per il progetto ‘l’Altra neve’, per la valorizzazione e promozione del turismo sportivo montano.

INDIETRO

Ecoturismo 2017, gli oscar di Legambiente: dalle Cinque Terre al parco dei Nebrodi

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva Football Club, la squadra dei morti da polveri sottili

next
Articolo Successivo

Commissione Ue chiede per l’Italia multa da 62,7 milioni di euro: “Acque reflue urbane siano trattate in modo adeguato”

next