Il Senato non vota la legge elettorale, ma può portarla alla Consulta
La riforma introduce l’esame preventivo della legge elettorale da parte della Corte costituzionale. Vista l’esperienza con il Porcellum e con l’Italicum (che è vigente ma sub iudice alla Consulta), può essere una buona idea. Il paradosso è che il Senato non ha competenza ad approvare la legge elettorale della Camera (può solo proporre modifiche che Montecitorio può ignorare), ma il ricorso alla Consulta può essere sollevato da un terzo dei senatori. Come spiegano vari giuristi (Tarli Barbieri, Panizza, Dal Canto) a una minoranza di senatori viene assicurata “una prerogativa che pare asimmetrica rispetto alla disciplina del procedimento legislativo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Schaeuble: “Spero che Renzi abbia successo, se potessi voterei per lui”

next
Articolo Successivo

Roma, ok a mozione M5s per il No al referendum. Opposizioni fuori dall’Aula

next