Le delegazioni di 10 Regioni senza proporzione
I senatori di ciascuna Regione non saranno espressi dalla sola maggioranza in consiglio regionale. Al contrario la delegazione di ciascuna Regione dovrà rappresentare “in scala” la composizione del consiglio. Ma 10 Regioni su 21 avranno solo due senatori ciascuna. Quindi addio proporzionalità: andrà un senatore alla maggioranza e uno all’opposizione (alla maggiore delle opposizioni). Questo vale per Val d’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Trentino, Alto Adige, Umbria, Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata. E salta all’occhio che saranno rappresentate in modo uguale regioni come Marche, Liguria e Friuli a regioni molto più piccole come Val d’Aosta, le due Province di Trento e Bolzano e Molise.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Schaeuble: “Spero che Renzi abbia successo, se potessi voterei per lui”

next
Articolo Successivo

Roma, ok a mozione M5s per il No al referendum. Opposizioni fuori dall’Aula

next