Il Senato gonfiabile: i senatori sono 100. Ma anche no
In teoria i componenti del nuovo Senato delle Autonomie saranno 95 (eletti dai consigli regionali), più 5 senatori di nomina presidenziale che dureranno 7 anni, più gli ex presidenti della Repubblica che restano senatori a vita. Il totale fa poco più di cento, ma il numero fisso resta 95. E invece no.

Il consiglio regionale – dice il testo – “elegge i senatori nel numero corrispondente all’ultimo censimento”. Tradotto: se tra un’elezione e l’altra una Regione aumenta di popolazione, potrà eleggere un senatore in più, senza che però si diminuiscano i seggi di diritto delle altre Regioni. In sostanza, conclude il giurista Rossi, i senatori potranno andare da 95 a “un numero indefinito”. Ma forse vale solo per la prima elezione? Vale come norma transitoria? Nel testo uscito dal Parlamento non è specificato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Schaeuble: “Spero che Renzi abbia successo, se potessi voterei per lui”

next
Articolo Successivo

Roma, ok a mozione M5s per il No al referendum. Opposizioni fuori dall’Aula

next