Il Senato gonfiabile: i senatori sono 100. Ma anche no
In teoria i componenti del nuovo Senato delle Autonomie saranno 95 (eletti dai consigli regionali), più 5 senatori di nomina presidenziale che dureranno 7 anni, più gli ex presidenti della Repubblica che restano senatori a vita. Il totale fa poco più di cento, ma il numero fisso resta 95. E invece no.

Il consiglio regionale – dice il testo – “elegge i senatori nel numero corrispondente all’ultimo censimento”. Tradotto: se tra un’elezione e l’altra una Regione aumenta di popolazione, potrà eleggere un senatore in più, senza che però si diminuiscano i seggi di diritto delle altre Regioni. In sostanza, conclude il giurista Rossi, i senatori potranno andare da 95 a “un numero indefinito”. Ma forse vale solo per la prima elezione? Vale come norma transitoria? Nel testo uscito dal Parlamento non è specificato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, Schaeuble: “Spero che Renzi abbia successo, se potessi voterei per lui”

next
Articolo Successivo

Roma, ok a mozione M5s per il No al referendum. Opposizioni fuori dall’Aula

next