Referendum propositivo: bello, ma regge?
La riforma prevede l’introduzione di un referendum propositivo e di uno d’indirizzo. Il testo rimanda a una legge successiva per i dettagli e l’attuazione. Ma se un referendum d’indirizzo si capisce cos’è (si raccolgono le firme su un tema, poi è il Parlamento che scrive la legge).

Ma una legge approvata direttamente dagli elettori in un referendum potrà essere modificata, derogata, abrogata da altre leggi del Parlamento? Come si porrebbe in relazione con altre leggi, compresa la normativa dell’Unione Europea?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Schaeuble: “Spero che Renzi abbia successo, se potessi voterei per lui”

next
Articolo Successivo

Roma, ok a mozione M5s per il No al referendum. Opposizioni fuori dall’Aula

next