Referendum propositivo: bello, ma regge?
La riforma prevede l’introduzione di un referendum propositivo e di uno d’indirizzo. Il testo rimanda a una legge successiva per i dettagli e l’attuazione. Ma se un referendum d’indirizzo si capisce cos’è (si raccolgono le firme su un tema, poi è il Parlamento che scrive la legge).

Ma una legge approvata direttamente dagli elettori in un referendum potrà essere modificata, derogata, abrogata da altre leggi del Parlamento? Come si porrebbe in relazione con altre leggi, compresa la normativa dell’Unione Europea?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Schaeuble: “Spero che Renzi abbia successo, se potessi voterei per lui”

next
Articolo Successivo

Roma, ok a mozione M5s per il No al referendum. Opposizioni fuori dall’Aula

next