Le minoranze parlamentari del Senato. Che non ha una maggioranza
L’articolo 64 prevede che “i regolamenti delle Camere stabiliscono i diritti delle minoranze parlamentari“. Ma il Senato diventa una Camera delle autonomie, non dovrebbe essere espressione di forze politiche, ma di una rappresentanza territoriale. Per giunta maggioranza e minoranza si definiscono tali per il rapporto di fiducia di una forza politica con il governo. Tutto questo sarà impossibile al Senato che non dà la fiducia al governo.

E allora nelle commissioni di Palazzo Madama – previste – come si formerebbero i gruppi parlamentari? “Se si seguisse la strada della composizione politica – scrive Rossi – il Senato diventerebbe una Camera politica anomala”, peraltro con il rischio che abbia pure una maggioranza diversa dalla Camera.

Se invece si seguisse un criterio territoriale, come si potrebbero costituire gruppi omogenei? Il costituzionalista ipotizza: “Nord, Centro e Sud? Regioni piccole contro Regioni grandi? Regioni speciali a sé? Sindaci in un gruppo a sé?”. Tutto questo, se la riforma passerà, farà diventare la scrittura dei regolamenti parlamentari quasi più importante della scrittura della riforma stessa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Schaeuble: “Spero che Renzi abbia successo, se potessi voterei per lui”

next
Articolo Successivo

Roma, ok a mozione M5s per il No al referendum. Opposizioni fuori dall’Aula

next