Le leggi “con oggetto proprio”. Se non ce l’hanno sono incostituzionali
L’ultimo periodo del primo comma dello sterminato articolo 70 recita: “Le stesse leggi, ciascuna con oggetto proprio, possono essere abrogate, modificate o derogate solo in forma espressa e da leggi approvate a norma del presente comma”. Ci si riferisce solo alle leggi bicamerali. Il concetto è sacrosanto: basta leggi con contenuto plurimo (un esempio è stato il decreto Imu-Bankitalia del 2014), anche se in questo caso si parla solo di modifiche a leggi già esistenti. In ogni caso il punto è un altro: siccome questo principio è scritto nella Costituzione (riscritta), una legge che fosse ritenuta priva di “un oggetto proprio” o in forma “non espressa” potrebbe essere dichiarata incostituzionale – e decaduta – solo per dei vizi formali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Schaeuble: “Spero che Renzi abbia successo, se potessi voterei per lui”

next
Articolo Successivo

Roma, ok a mozione M5s per il No al referendum. Opposizioni fuori dall’Aula

next