“Nell’ambito dell’attività estorsiva dovevano pagare tutti”. Il procuratore di Reggio Calabria Federico Cafiero De Raho ha illustrato nel corso di una conferenza stampa i dettagli dell’operazione “Sansone” nell’ambito della quale sono stati arrestati 26 appartenenti alla cosca Condello e alle famiglie mafiose Zito-Bertuca, Buda-Imerti e Garonfolo di Villa San Giovanni.
L’inchiesta del Ros, coordinata dai sostituti della Dda Giuseppe Lombardo e Anna Maria Frustaci, ha fatto luce su numerose estorsioni. In manette, oltre ai vertici della ‘ndrangheta di Archi e della cittadina in provincia di Reggio, è finito Pasquale Calabrese, imprenditore di riferimento della cosca Bertuca e impegnato in numerosi appalti pubblici.
“Certamente – ha affermato il procuratore De Raho – uno degli imprenditori che si occupava dei lavori della Salerno Reggio Calabria e del Ponte è stato oggetto del fermo. Ha una contestazione di partecipazione all’associazione mafiosa. Almeno per il quadro indiziario valutato dalla Procura della Repubblica è ritenuto un elemento della cosca”.
Possiamo dire che la ’ndrangheta aspira a mettere le mani sull’appalto per il Ponte? “Questa – ha risposto il magistrato – è una deduzione che certamente sulla base degli elementi giornalistici può anche avanzarsi”.
Durante la conferenza stampa, è intervenuto anche il generale Giuseppe Governale, comandante del Ros, secondo cui: “I clan non avevano bisogno di atti eclatanti per le estorsioni. Basta fare un nome a Villa San Giovanni che nessuno fiata. Abbiamo documentato almeno venti casi di estorsione nei confronti di aziende e di società. Nessuno ha denunciato”.
Non tocca l’indagine, ma il procuratore De Raho si è lanciato in uno sfogo circa le famiglie mafiose coinvolte nell’inchiesta “Sansone”: “La cosca Zito-Bertuca controlla da oltre 25 anni Villa San Giovanni dove nel 1991 venne ucciso il giudice Scopelliti. È stato un omicidio che non viene dimenticato dalla Procura della Repubblica. Certamente chi l’ha commesso prima o poi verrà identificato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“I tragediatori”, Forgione racconta il lato oscuro del movimento antimafia

prev
Articolo Successivo

Giancarlo Siani, la Mehari in ‘Viaggio legale’ sulla via Emilia

next