Dopo Fedez e Fabio Rovazzi, anche Alessandra Amoroso ha aderito all’iniziativa promossa dal Fatto Quotidiano insieme al Comune di Amatrice per raccogliere fondi per la ricostruzione della scuola elementare e dell’asilo. “Le notizie che arrivano in questi giorni da Amatrice, Arquata e Accumoli hanno lasciato tutto il Paese sgomento. Un numero incomprensibile di vite sono state spezzate per sempre in una notte che molti di noi hanno passato al riparo nelle nostre case”, si legge nel post condiviso su Facebook da Fedez e dalla Amoroso, in cui i due artisti annunciano che il 100% dei ricavi dei prossimi tre mesi di “Vorrei ma non posto” (singolo di Fedez e J-Ax che ha superato 88 milioni di visualizzazioni su Youtube), del singolo di Rovazzi e tormentone dell’estate “Andiamo a comandare” e di “Vivere a colori” della Amoroso saranno messi a disposizione per la ricostruzione della scuola elementare e dell’asilo di Amatrice.

“Le persone coinvolte sono in strada ora, in una zona d’Italia di montagna dove già la notte fa freddo — e questa situazione non farà che peggiorare con l’inverno in arrivo”, prosegue il post. “Per questo motivo, noi artisti di Newtopia“, l’etichetta indipendente fondata da Fedez e J Ax, “insieme alle nostre case discografiche, abbiamo deciso di fare un piccolo gesto immediato”.

“Ho fatto questo video – continua Fedez – per chiedere una mano ad Apple e Google: su ogni singolo venduto trattengono il 30% dei ricavati e sarebbe fantastico se riuscissimo a dare alle persone coinvolte l’intera cifra. Ma sarebbe ancora più bello se tutti i nostri colleghi si unissero insieme a noi per aiutare i nostri connazionali a rialzarsi e a vivere la vita serena che tutti si meritano di vivere. Facciamo vedere di cosa sono capaci gli italiani quando lavorano insieme”.

QUI TUTTE LE INFORMAZIONI PER PARTECIPARE ALLA RACCOLTA FONDI

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La commovente telefonata ai pompieri: “Grazie per quello che fate. Vi manderei i tortellini”

prev
Articolo Successivo

Bergamo, donna trovata morta in casa con una coltellata. Indagato il marito. Lui: “C’era un ladro incappucciato”

next