La guardia di finanza ha sequestrato beni per un valore complessivo di circa 25 milioni di euro appartenenti a soggetti ritenuti affiliati al clan dei Casalesi, gruppo Iovine e al contiguo ed autonomo gruppo Guarnera di Acilia, quartiere alla periferia a sud di Roma. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Roma su richiesta della Dda. Le indagini del Gico del Nucleo di Polizia tributaria di Roma hanno preso spunto da diverse inchieste che negli anni passati hanno portato in carcere sia esponenti del gruppo Iovine trasferiti nella capitale sia del clan Guarnera. Gli accertamenti, eseguiti anche nei confronti di diverse ‘teste di legno’ hanno fatto emergere numerosi beni riconducibili ai membri dei due clan e la sproporzione tra la consistenza patrimoniale e le attività economiche ufficialmente svolte. Il decreto di sequestro riguarda Mario e Salvatore Iovine, Sergio e Sandro Guarnera, Arben Zogu, Orial Kolaj, Petrit Bardhi, Franco Crispoldi e Fabrizio Diotallevi. Oggetto del sequestro sono il patrimonio e i beni di dieci società operanti nella gestione e concessione delle slot machine e di costruzione di edifici, le quote societarie di altre sette società, 18 immobili tra cui alcune ville di lusso a Roma e provincia, in Sardegna e in Abruzzo, 12 tra auto e moto, rapporti bancari e azioni

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Camorra, sei milioni confiscati a ex consigliere comunale di Casal di Principe

prev
Articolo Successivo

Napoli, sparatoria nel Rione Sanità: uccisi due pregiudicati e ferite tre persone. “Colpito clan Vastarella”

next