Famiglia Cerea, Brusaporto (BG)

Parola d’ordine: perfezione

cereaChe l’uovo della famiglia Cerea sia ottimo, non stupisce. Precisione, tecnica e passione sono le fondamenta su cui si basa ogni prodotto creato dai discendenti di Vittorio. Un ristorante tre stelle Michelin, ospitalità perfetta e dolci che lasciano il segno. Simone Finazzi, chef pasticcere, a Pasqua propone uova di cioccolato gourmet.

Varietà: Uovo Pagliaccio, Uovo con “ciareghì”, Uovo Pinguino.

Scelto per voi: Pagliaccio, pensato per un pubblico di bambini. Spiega Finazzi: “Da piccoli non si vede l’ora di aprire l’uovo per vedere cosa c’è dentro. Nel nostro Pagliaccio la sorpresa è già all’esterno”. L’uovo è infatti molto colorato e già il suo aspetto appaga la curiosità dei più piccoli.

Prezzo: 140 euro
Dove è possibile acquistarlo: sul sito, al Ristorante Da Vittorio o al Caffè Cavour a Bergamo.

Pasqua 2016, le 15 uova di cioccolato più ‘preziose’ d’Italia

AVANTI
Capitoli
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Festa del papà , la ricetta “stellata” dello chef Oldani per tutti i padri che vogliono cucinare per i propri figli piccoli

next
Articolo Successivo

Pasqua 2016, le dieci colombe più goduriose d’Italia

next