La colomba di Andrea Tortora per Trippa (Milano)

trippaTurn dreams into friendship”. E dopo 12 anni di amicizia lo possono proprio dire. Andrea Tortora, chef pasticcere del ristorante Rosa Alpina, ha creato con l’amico Diego Rossi, chef di Trippa, una colomba che è possibile acquistare nella trattoria milanese. Il lievitato fa 36 ore di lievitazione e per la sua produzione non vengono utilizzati conservanti o emulsionanti. Ottenuta da farina di grano tenero, burro, zucchero, tuorli di uovo rigorosamente freschi, miele di acacia, vaniglia Tahiti in bacche, scorze di arancia e limone grattate e canditi Agrimontana. Il lievito madre utilizzato ha 12 anni. Il packaging della colomba è fatto con cartone riciclato. Il design della confezione è di Giovanni Pastori e la stampa è di Remo Steiner, Spazio Florida.

Dove è possibile acquistarla: alla Trattoria Trippa di Milano (Via Giorgio Vasari, 3, 20135 Milano).
Prezzo: 30 euro

Pasqua 2016, le dieci colombe più goduriose d’Italia

AVANTI
Capitoli
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pasqua 2016, le 15 uova di cioccolato più ‘preziose’ d’Italia

next
Articolo Successivo

Luciano Monosilio, “la cucina è lavoro, la parte spettacolare c’è ma non è tutto”

next