Gelateria Cioccolateria Paolo Brunelli

Parola d’ordine: omaggio a Senigallia

Il cioccolataio e gelatiere Paolo Brunelli per Pasqua produce uova di cioccolato che mettono in luce la sua filosofia di produzione. In ogni pezzo creato c’è tanta qualità e gli abbinamenti di materie prime ricercate colpiscono e stupiscono.

BRUNELLIVarietà: Fondente, al latte, bianco con i pistacchi di Bronte. Quest’anno ha poi creato l’uovo “#Senigallia” (anche in versione gelato), che al suo esterno ricorda il velluto. Una scelta fatta non a caso, visto che la cittadina dove sorge l’attività di Brunelli è rinomata per avere “spiagge di velluto”. L’uovo esteticamente ha il colore della sabbia e il cioccolato è al caramello. È arricchito con olio d’oliva, sale marino di Cervia. In bocca provoca un caos gustativo, dato dai chicchi di caffè, che ricordano il bagnasciuga della spiaggia.

Scelto per voi: #Senigallia

Prezzo: 50 al chilo

Dov’è possibile acquistarlo: Via Giosuè Carducci, 7, 60019 Senigallia AN

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festa del papà , la ricetta “stellata” dello chef Oldani per tutti i padri che vogliono cucinare per i propri figli piccoli

next
Articolo Successivo

Pasqua 2016, le dieci colombe più goduriose d’Italia

next