Italia prima tra i 34 Paesi Ocse per percezione della corruzione nelle istituzioni governative e locali, con un incidenza che sfiora il 90%. Il dato è contenuto in una tabella del rapporto Curbing corruption dell’organizzazione parigina, che cita uno studio Gallup secondo il quale la Penisola è seguita a ruota da Portogallo e Grecia. Al contrario la percezione più bassa, sotto il 15%, si registra in Svezia. Il non invidiabile primato di Roma rispecchia i risultati del Corruption perception index 2014 di Transparency International, che lo scorso dicembre collocava il nostro Paese al primo posto in Europa e al 69esimo nel mondo per corruzione percepita. E arriva proprio nei giorni in cui, dopo 734 giorni di attesa, il tormentato ddl anticorruzione è approdato in aula al Senato per la discussione, in attesa del voto finale previsto per l’1 aprile. Mentre il governo, a valle del nuovo scandalo messo in luce dall’inchiesta Sistema che ha portato in carcere il ras delle infrastrutture Ercole Incalza, ha avviato un piano per la legalità e la prevenzione dei fenomeni corruttivi nelle partecipate statali.

Il costo delle truffe e della corruzione negli investimenti pubblici – scrive l’Ocse, che ha diffuso il rapporto in occasione della Integrity week in corso a Parigi – non è solo economico ma politico e istituzionale, con seri risvolti per la legittimazione dell’apparato dello Stato e la capacità delle istituzioni governative di funzionare in modo efficace. Per l’Ocse c’è una “forte relazione” tra la corruzione percepita e la fiducia nel governo. Più alta è la corruzione percepita, più bassa è la fiducia nelle istituzioni.

Dalla tabella contenuta nel documento emerge però anche che in Italia, pur trattandosi del Paese con la più alta corruzione percepita, la fiducia nel governo è superiore al 30%, superiore a quella di Grecia, Portogallo, Spagna e Slovenia, dove la percezione della corruzione è tra l’80 e il 90%. La correlazione inversa è però evidente per la Svezia, che a fronte di una percezione della corruzione inferiore al 15% fa registrare una fiducia nell’esecutivo superiore al 55%. Il Paese in cui il governo incassa il maggior credito di fiducia è la Svizzera, con una percentuale vicina all’80%. Oltralpe, la corruzione percepita è intorno al 25%. In Germania invece la fiducia è superiore al 60% nonostante la percezione della corruzione si avvicini al 40%. La media Ocse è superiore al 40% per quanto riguarda la fiducia nei governi e inferiore al 60% per la percezione sulla corruzione.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ciro Esposito, il racconto prima di morire: “Erano più di uno e avevano i caschi”

next
Articolo Successivo

Sciopero dei musei, il Garante: “No alla chiusura della Galleria Uffizi per Pasqua”

next