“La lotta alla mafia, il primo problema da risolvere nella nostra terra bellissima e disgraziata, non doveva essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale che coinvolgesse tutti e specialmente le giovani generazioni, le più adatte a sentire subito la bellezza del fresco profumo di libertà che fa rifiutare il puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità”. E’ ispirandosi a questa frase di Paolo Borsellino che il gruppo delle Agende Rosse di Torino, ha organizzato l’incontro “La lotta alla mafia…un movimento culturale e morale” con Marco Travaglio, Sabina Guzzanti, il pm Nino di Matteo, Salvatore Borsellino e il sindaco di Messina Renato Accorinti. L’iniziativa nasce per venire incontro alle richieste dei numerosi cittadini che nei mesi scorsi hanno assistito alla proiezione del film della Guzzanti “La Trattativa” e per coinvolgere il maggior numero di persone in un dibattito con chi oggi fa della lotta alla mafia una ragione di vita. Segui in diretta streaming l’evento in corso presso il Centro Congressi Santo Volto di Torino

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lady ‘ndrangheta, il promo del documentario sulle donne della mafia

prev
Articolo Successivo

Antimafia, la polemica di Castelvetrano: Cimarosa vs imprenditrice antiracket

next