Avevamo la delinquenza italiana, teniamocela. Non prendiamo quella di altri stati”. Una trentina di persone ieri sera hanno dato vita a un presidio, a nella zona sud di Torino “contro il degrado”. Via Artom, nel quartiere di Miriafiori, è stata per decenni una delle periferie più pericolose della città. Qui , a pochi passi dallo stabilimento della Fiat, il Comune aveva costruito centinaia di alloggi popolari. Con un’unica via d’accesso, l’area – che comprende il grande parco Colonnetti – era diventata il bronx di Torino. Con grande sforzo, e tanti soldi delle Olimpiadi del 2006, la prima giunta Chiamparino aveva iniziato il processo di riqualificazione dell’area. Oggi però la popolazione si scopre ‘intollerante’ alla piccola criminalità e ai rom. “Vent’anni fa c’era la delinquenza – spiega una della animatrici del comitato ‘Riprendiamoci il Quartiere‘ – ma a noi del quartiere non facevano nulla”. Il presidio, protetto da decine di camionette delle forze dell’ordine, si è sciolto dopo circa un’ora, mentre a qualche centinaio di metri di distanza centinaia di antifascisti urlavano slogan per l’integrazione tra italiani e migranti   di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ebola, il medico di Emergency è “stabile” ma in prognosi riservata

next
Articolo Successivo

Hammerfest 2014, la rete del leader neonazi a Milano: narcos e ‘ndrangheta

next