Il 10% dei rinviati a giudizio dalla procura di Milano per mafia sono imprenditori. Nel giorno in cui la direzione distrettuale antimafia di Milano ha ordinato tredici arresti per associazione ‘ndranghetista, riciclaggio e abuso d’ufficio aggravato dal metodo mafioso, una ricerca promossa da Camera di Commercio di Milano, Assimpredil-Ance e Università Bocconi mostra come dei 322 rinviati a giudizio per mafia in oltre un decennio (2000-2012) dalla Procura di Milano nell’ambito di 64 procedimenti, uno su dieci è un imprenditore colluso.

Il settore più colpito è quello legato all’edilizia (un caso su due) e la mafia più presente è la ‘ndrangheta (74%). Il report “Espansione della criminalità organizzata nell’attività d’impresa al nord” evidenzia anche che in realtà il numero di imprenditori rinviati a giudizio aumenta se si considerano, oltre a quelli collusi, anche i “mafiosi imprenditori”, ovvero quei criminali non originariamente imprenditori, ma che cercano di assumerne le vesti per realizzare affari illegali.

Ma a colpire, oltre ai dati sui procedimenti penali, sono gli esiti di un questionari distribuito tra le imprese. Il 100% degli associati di Assimpredil che hanno risposto sostengono che ci sia la presenza di infiltrazioni mafiose nel proprio settore e la maggioranza la ritiene “considerevole”. Una presenza che è stata “concretamente percepita” almeno dalla metà di loro. Numeri leggermente differenti per le aziende della Camera di Commercio, dove a ritenere il proprio settore infiltrato è il 77% degli intervistati.

Ma qual è la molla che spinge gli imprenditori tra le braccia della criminalità organizzata? Secondo gli intervistati, il punto di forza delle mafie è il desiderio degli imprenditori di aumentare i loro guadagni. Per questo, sempre secondo il report, l’arma per combatterle dovrebbe essere che lo Stato colpisca le mafie proprio nei loro interessi economici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Expo, “azienda del boss in Tangenziale esterna. Aveva certificato antimafia”

prev
Articolo Successivo

Trattativa, “nel mirino della mafia c’era Napolitano in quanto Presidente della Camera”

next