di Andrea Vivalda

Spero di non suscitare l’interesse del Copasir o di qualche “giornalone” citando un russo, ma se l’argomento è il gas naturale ritengo che, da grandi produttori mondiali quali sono, sul tema siano piuttosto sul pezzo. Parliamo dunque di Alexei Miller, amministratore delegato di Gazprom, il quale, commentando alcuni anni fa in un’intervista la tecnica del “fracking” utilizzata per l’estrazione del gas, riferiva così: “Porta inevitabilmente a danni ambientali. A parte gli enormi consumi di acqua questo metodo produttivo può causare l’inquinamento delle acque sotterranee e anche provocare attività sismica”. Ma allora perché loro ne estraggono così tanto?

In primis la sensibilità ambientale non si può dire sia una forte priorità nella politica russa; ma soprattutto, lo estraggono dai loro sterminati e spopolati territori verso oriente, ben lontano da insediamenti urbani ad alta densità: non certo sotto Mosca o San Pietroburgo. In Italia invece le scorte di gas residue (a quanto affermano gli studi circa 80 milioni di metri cubi, ovvero il consumo annuale italiano di un solo anno) si trovano tutte sotto a territori altamente popolati e intensamente utilizzati, come ad esempio l’Emilia Romagna, oggetto nel 2016 di uno studio dell’Università di Napoli che ha confermato (non primo di innumerevoli studi scientifici condotti in tutto il mondo che convergono sulla conclusione) la relazione fra estrazione e attività sismica elevata nella zona.

Ciò vuol dire che i leader a caccia di voti, da Meloni a Letta (col silenzio surreale dell’alleato verde Bonelli) passando per Calenda e Salvini, che impazzano nei talk show rilanciando con leggerezza il roboante mantra “riaccendiamo le trivelle per il gas italiano” – come fosse la soluzione a tutti i nostri mali che i “cattivi” (M5s e Giuseppe Conte) non vorrebbero per capriccio – in realtà stanno dicendo che la loro proposta per affrancarsi dal gas russo consiste nel mettere a rischio le falde acquifere della pianura Padana e con loro la filiera agricola di eccellenza i cui prodotti esportiamo in tutto il mondo. Consiste nel rischiare di provocare eventi sismici importanti in un’area fortemente urbanizzata, già ad alto rischio, e che già ha pagato fin troppo in termini di eventi severi; per giunta nello sprecare tonnellate d’acqua necessarie per il processo in un momento storico in cui d’estate ormai l’acqua viene razionata agli agricoltori.

Tutto questo per il “lauto” obiettivo di ottenere (se va bene) il gas per un anno: che sia forse che siamo di fronte a dei nuovi “migliori” versione 2.0? Ecco ora, che sia perché ignorano totalmente la questione non avendone studiato una cippa né interpellato un esperto o che invece siano informati ma la utilizzino in malafede come slogan elettorale fascinoso cavalcando il terrore dei cittadini per i razionamenti d’autunno a costo di prenderli in giro, in entrambi i casi pare abbastanza grave che al posto di progetti e idee realizzabili, da destra a centrosinistra in blocco i candidati leader facciano ancora campagna elettorale a colpi di soluzioni mirabolanti tacendone l’inutilità, il rischio e la conseguente infattibilità. Per giunta denigrando quei pochi che – al contrario – menzogne di tal portata, per quanto potrebbero portare voti, preferiscono non usarle e sostituirle con idee e progetti fattibili anche a costo di rimanere fuori dal coro.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Soprintendenze sotto attacco, ma restano l’unica difesa contro l’aggressione ambientale

next
Articolo Successivo

L’Europa verso l’eliminazione dei sussidi alle biomasse forestali. Ma per gli ambientalisti troppe eccezioni e tempi incerti

next