“A mia memoria di queste dimensioni no. Altri distacchi di seracchi ci sono stati ma con una normale evoluzione. Che una massa così grande di ghiaccio con un fronte di oltre 80 metri venisse giù non si era mai visto” spiega Mario Brunello del Soccorso Alpino Dolomiti Bellunesi.
“Il colore molto azzurro – aggiunge Brunello – vuol dire che è un ghiaccio molto profondo. Non abbiamo ricordo di una cosa del genere.”
Al momento il pericolo per i soccorritori è molto alto. Vengono effettuati dei sorvoli e poi si deciderà se usare i droni a debita distanza.
“Rispetto a una ricerca su valanga è una attività similare ma molto più complessa, sia per la durezza del materiale che si è staccato che impedisce il normale uso delle sonde tradizionali, ma anche per le dimensioni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brescia, così la capitale della cultura 2023 ha abbandonato la collezione di Scienze naturali nei magazzini del Museo, chiuso da 20 anni

next
Articolo Successivo

Voli cancellati, sui social proteste per i disagi dovuti agli scioperi. Alcuni viaggiatori solidali con i lavoratori: “Condizioni inaccettabili”

next