Non è un libro pubblicato per la prima volta quest’anno ma nel centenario della nascita del grande maestro vale la pena riprenderlo in mano per scoprire che Lodi non è solo il maestro di “Cipì” ma ha raccontato anche la storia dell’Italia in chiave autobiografica. Lodi, che aveva partecipato alla Resistenza, con questo testo parla ai ragazzi dell’assurdità della guerra ma anche del desiderio della libertà. L’opera, arrivata in libreria per la prima volta nel 2020 con questo titolo raccoglie due romanzi: “La busta rossa” e il “Corvo”. A spiegare il senso e il perché di questa narrazione è la nota scritta da Lodi nel 1996 quando uscì “La busta rossa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biennale di Venezia, Pavlo Makov: “Ho portato la mia opera al Padiglione Ucraina scappando dalle bombe, salviamo la nostra cultura dalla distruzione totale”

next
Articolo Successivo

Roma, in mostra Giorgio de Finis: sciagura e risorsa per la scena culturale italiana

next