“Disobbedire a qualcosa di ingiusto non è sbagliato”, sono le parole che la maestra Anna usa per spiegare ai bambini della sua classe chi sono i partigiani. Anna, protagonista di questo libro, è la maestra che tutti avrebbero voluto. Un’insegnante che un giorno sceglie di fare una “gita” in montagna per far conoscere ai suoi allievi degli altri maestri di vita che incontrano attraverso un sentiero che li ricorda. E così i ragazzi (e i lettori) scoprono chi sono Piero Calamandrei, Sandro Pertini, Teresa Mattei e Nilde Iotti. Età di lettura: da 8 anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biennale di Venezia, Pavlo Makov: “Ho portato la mia opera al Padiglione Ucraina scappando dalle bombe, salviamo la nostra cultura dalla distruzione totale”

next
Articolo Successivo

Roma, in mostra Giorgio de Finis: sciagura e risorsa per la scena culturale italiana

next