Parlare dell’eccidio di Marzabotto non è mai facile. Raccontare cos’è stato e cos’è oggi quel luogo lo può fare solo chi lo conosce bene. Un film che sicuramente ci è riuscito è “L’uomo che verrà” di Giorgio Diritti. Questo libro che gode della prefazione di Martin Schultz, ci è riuscito proprio perché narra la storia vera di un bambino di sei anni che da un momento all’altro scopre la guerra attraverso i fascisti che bussano alla porta di casa sua. Per tutta la vita Franco ha sopportato il ricordo di quei momenti terribili, a cui è sopravvissuto solo grazie all’amore e al sacrificio della mamma. Oggi, attraverso le pagine di questo libro, continua a raccontare ai ragazzi che cosa è stata Marzabotto, la più cruenta delle stragi, compiuta dalle truppe naziste durante la Seconda Guerra Mondiale contro la popolazione innocente. La sua toccante testimonianza – dall’infanzia felice a Monte Sole passando per gli episodi delle violenze e della fuga, gli anni difficili in orfanotrofio, la costruzione di una nuova vita e il dolore inconsolabile per la perdita di coloro che amava – ci fa riflettere, senza retorica, sulla guerra e le sue conseguenze, sulla Resistenza, sul valore del perdono. Franco è scomparso nel 2021 ma grazie a questo libro continua a vivere. Età di lettura: 10 anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biennale di Venezia, Pavlo Makov: “Ho portato la mia opera al Padiglione Ucraina scappando dalle bombe, salviamo la nostra cultura dalla distruzione totale”

next
Articolo Successivo

Roma, in mostra Giorgio de Finis: sciagura e risorsa per la scena culturale italiana

next