1953. Alessandro vive a Torino, nel quartiere San Paolo. In famiglia è l’unico maschio perché gli altri se li è portati via la guerra, ma nessuno gli dice come. Inizia così un vortice crescente di indagini che lo portano a scoprire le vicende di famiglia. L’esilio spontaneo del nonno, le imprese del padre nelle brigate in Val di Susa e la loro morte, che hanno portato nonna Clementina a condurre… una doppia vita: casalinga per i vicini, in verità spia contro i nazisti. È da queste imprese che Alessandro prende il coraggio per difendersi da Walter, un prepotente figlio di papà che con la sua banda tormenta i ragazzi e le ragazze del quartiere. Un libro che aiuta a vivere i valori della Resistenza nell’esistenza quotidiana di un ragazzo. Età di lettura: da 10 anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biennale di Venezia, Pavlo Makov: “Ho portato la mia opera al Padiglione Ucraina scappando dalle bombe, salviamo la nostra cultura dalla distruzione totale”

next
Articolo Successivo

Roma, in mostra Giorgio de Finis: sciagura e risorsa per la scena culturale italiana

next