“Siamo in piazza per chiedere verità e giustizia per le vittime innocenti di mafia. Nonostante tutto le mafie sono ancora molto forti, potremmo dire che durante questa pandemia la mafia sia stata la variante più pericolosa. Io starei attento ad utilizzare il termine antimafia, qualcuno lo usa in maniera strumentale”. Sono le parole di don Ciotti a margine della marcia, in corso a Napoli, che ha visto la partecipazione di circa 100mila persone, per ricordare le vittime innocenti delle mafie.

“È una giornata importante, molto partecipata e questo è un segnale fondamentale. Le mafie devono essere al centro dell’agenda politica fin quando questo fenomeno orribile non sarà sconfitto. Noi dobbiamo controllare come sempre facciamo anche sul Pnrr“. A dirlo è stato il presidente della Camera, Roberto Fico: “Sappiamo benissimo che quando si muovono molti soldi le mafie possano intervenire per intercettarli. Nessuno deve essere un eroe, lo Stato deve riuscire ad intervenire prima”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata vittime delle mafie, 100mila giovani in piazze di tutta Italia. Gratteri: “Il governo non ci aiuta, provvedimenti Cartabia devastanti”

next