Vaccinate prima lei. E’ una mamma con un bambino disabile, lei davvero non può ammalarsi, e non può permettersi di portare il virus in casa. Io ho 91 anni…“. Giovanni ha l’appuntamento dal medico curante giovedì prossimo: è il momento della sua vaccinazione. Ma quando ha letto sul giornale l’appello della madre di un bambino disabile che chiedeva garanzie anche per i familiari delle persone fragili ha preso il telefono e ha chiamato la Nazione. “Ho avuto una vita lunga e una famiglia numerosa. Il vaccino credo sia più utile a lei che a me”. Lei si chiama Cinzia e ha un figlio, Mattia, di 22 anni, con una disabilità grave che gli impedisce di ricevere il vaccino. La madre invece deve aspettare che tocchi alla sua fascia d’età.

E’ da capire se il gesto di generosità del 91enne sarà approvato dall’autorità sanitaria. “Date solo il mio numero di telefono alla signora e il nome del mio medico di famiglia – ha detto ancora l’anziano ai giornalisti della Nazione – Se è necessario la accompagnerò. Deve essere vaccinata lei al mio posto”. Lei, contattata dal giornale, ha risposto: “Ho avuto un tuffo al cuore. Una emozione fortissima. Grazie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati: 18.916 nuovi casi con 323mila tamponi. Altri 280 morti, aumentano ancora ricoveri e pazienti in terapia intensiva

next
Articolo Successivo

Covid, report Iss: “Da metà gennaio trend dei casi in calo tra i sanitari e gli over 80. È l’effetto della campagna di vaccinazione”

next