“Il Giorno della Memoria alla Scala è un abbinamento particolare. Da milanese e da vecchia signora che ricorda la bambina felice che, prima delle leggi razziali, veniva con i suoi nonni a vedere ‘Hansel e Gretel’, ma già si beava della vista di questa bellezza e dell’ascolto”. Così la senatrice a vita Liliana Segre ha aperto il concerto del Teatro alla Scala in occasione della Giornata della Memoria. Segre ha ricordato anche gli anni in cui il più importante teatro del capoluogo lombardo era stato bombardato: “Sono sicura che finita la pandemia saremo tutti più pronti a guardare il prossimo“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, ecco la rete di scienziati che sequenzierà il coronavirus. Un consorzio patrocinato dalla Società italiana di virologia

next