La scuola è sicura”. Lo ribadiscono i pediatri all’indomani delle divisioni politiche sul ritorno in classe degli studenti delle superiori. “All’interno della scuola non si formano dei cluster, ma esistono dei casi sporadici e tutti i casi che abbiamo riscontrato nascevano da un contagio intra-domestico” dichiara Alberto Villani, presidente della Società Italiana di Pediatria (SIP) citando i dati raccolti dai pediatri in collaborazione con l’ospedale Bambino Gesù, l’Istituto di Ortofonologia e la Fondazione Mite.

Tra chi vorrebbe abbandonare la didattica a distanza per tornare sui banchi di scuola sono i ragazzi della Rete degli Studenti Medi. “Chiediamo scuola in presenza e in sicurezza”, chiarisce Leone Piva del Liceo Cavour di Roma. La Rete ha da poco redatto un documento che raccoglie le priorità di chi attende di ritornare al proprio banco. Tra gli interventi in elenco ci sono il recupero degli spazi e la messa in sicurezza dei trasporti. Proprio il nodo trasporti sembra essere il nodo più difficile da sciogliere. Il perché lo rivela, Marino Masucci, Segretario Generale della Fit-Cisl del Lazio: “A Roma per garantire nell’immediato il distanziamento del 50% all’interno degli autobus servirebbero mille autobus in più. Una cifra enorme e non disponibile né in pochi giorni né in pochi mesi”.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, un sindacato di imprenditori lancia la raccolta firme contro la riapertura: “Didattica a distanza o si rischia il blocco totale”

next
Articolo Successivo

Milano, iscrizioni al liceo col sorteggio. “Data la pandemia, quest’anno la meritocrazia non è un buon metodo”

next