“Bisogna sempre ricordare che i tamponi antigenici rapidi generano anche falsi positivi e quindi, in realtà, in fase diagnostica questi vanno poi ulteriormente confermati e analizzati“. Così Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, circa l’efficacia e la riproducibilità in larga scala di quanto effettuato a Bolzano con lo screening di massa attraverso i test rapidi. Per Brusaferro lo screening è “importante per la conoscenza sulla circolazione del virus, ma dall’altra parte non può mai diventare un patentino di immunità o negatività, perché se dopo aver fatto test il cui esito risultasse negativo, un’ora dopo partecipassi a un aperitivo abbracciando e socializzando, potrei contrarre lì il virus e risultare positivo nei giorni seguenti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardegna, dalla giunta Solinas 780mila euro all’associazione vicina al consigliere del suo partito. Poi la marcia indietro

next
Articolo Successivo

Milano, il covid hotel chiude per sfratto: proprietà non gradisce la trasformazione “Attività risentono dei portatori di malattia”

next