Fermato per strada da un esattore di un clan mafioso, un commerciante palermitano ha ripreso, di nascosto e con il cellulare, la richiesta di pizzo. E all’estortore ha mostrato un foglio con la lista delle vittime della mafia: “Guarda, questi sono Falcone e Borsellino, uccisi da Cosa nostra, ti dovresti vergognare“. È successo il 28 maggio all’imprenditore Giuseppe Piraino, al quale sono stati chiesti 500 euro come “contributo per la festa”, da un uomo del clan di Borgo Vecchio. “Non ha mai avuto problemi di questo genere?” dice l’uomo a Piraino, che però non cede e alla fine tira fuori una foto dei due magistrati assassinati. Piraino aveva già denunciato una richiesta di pizzo due anni fa, e anche allora riprese di nascosto gli uomini della mafia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, processo Sansone: in appello 36 condanne e 10 assoluzioni a Reggio Calabria

next
Articolo Successivo

Gli striscioni, le spedizioni punitive e la pax per non lasciare “la curva vacante”: così la mafia si muoveva tra i tifosi del Palermo calcio

next