Sull’operazione mascherine e gel igienizzante nelle scuole il Commissario straordinario per l’emergenza sanitaria Domenico Arcuri ha deciso di fare un’operazione di trasparenza e rendere pubblici i numeri della distribuzione attraverso una piattaforma online. Sul sito della Presidenza del Consiglio, del ministero dell’Istruzione e della Salute, da oggi infatti è possibile sapere – scuola per scuola – la fornitura di materiale che è stata fatta al 16 settembre. Un dato che verrà aggiornato ogni 48 ore.

“Si tratta di un ulteriore passo per garantire la massima trasparenza e per fare chiarezza – ha spiegato Arcuri – sui numeri reali. Tutti i cittadini potranno verificare l’esatta situazione nei singoli istituti mettendo finalmente fine alle informazioni frammentarie, e qualche volta strumentalmente inesatte, che sono state diffuse nei giorni scorsi”.

L’analisi fornita dal sito studiato dall’ufficio di Arcuri è dettagliata: al 16 settembre sono state distribuite alle scuole di ogni ordine e grado 135.705.019 mascherine. In media 9,5 milioni al giorno per adulti e ragazzi e 1,7 milioni per bambini. Il Commissario ha anche consegnato agli istituti 602mila litri di gel igienizzante. Del totale dei dispositivi di protezione individuale, 122.290.305 sono andate alle scuole statali e 13.413. 914 alle paritarie.

C’è di più. Il sito predisposto dal Commissario specifica che 75.789.844 mascherine sono già nelle mani degli istituti comprensivi; 780.783 degli omnicomprensivi. Si legge sul sito che ai bambini della primaria sono state dati 12.698.560 dispositivi, ai ragazzi delle medie 1.369.289 e 45.065.743 sono date alle scuole superiori. Ogni famiglia può poi verificare con due click, inserendo Regione e Comune, il numero di mascherine a disposizione nelle singole scuole, in quella del figlio o del nipote. Impossibile sbagliare: per ogni istituto è segnato anche l’indirizzo.

E per chi volesse sapere anche com’è andata la distribuzione del gel igienizzante ci sono anche questi dati. La Regione che ha ricevuto più litri è la Lombardia (109.344), seguono la Sicilia (77.082); la Campania (61.146); il Lazio (55.140) e la Toscana (47.286). In fondo alla classifica la Valle d’Aosta e il Molise che hanno il minor numero di studenti.

Anche in questo caso la piattaforma è in grado di indicare con precisione i litri di gel arrivati a ciascuna delle 18.936 scuole. “Si è deciso – spiega Arcuri – di rendere tutto pubblico ad ulteriore dimostrazione dello sforzo che il Governo ha fatto e continua a fare per garantire lo svolgimento dell’anno scolastico con il massimo livello di sicurezza possibile e che non ha pari in nessun altro Paese”.

Un lavoro che spesso è stato messo in discussione proprio dai dirigenti scolastici che, prima della partenza della scuola, avevano dubbi su fatto che arrivasse tutto il materiale per tempo. Ora Arcuri deve vincere un’altra sfida: la distribuzione di tutti i banchi monoposto e delle sedie innovative entro la fine di ottobre come ha più volte annunciato.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Studenti in piazza a Roma: “Piano per le scuole fallimentare, ci ascoltino”. Manifestano anche gli universitari: “Soldi Recovery siano per istruzione”

next
Articolo Successivo

“Mancano i prof, connessione lenta e finestre rotte”: i genitori degli studenti dello Scientifico “Primo Levi” di Roma scrivono alla Azzolina

next