Dopo le scarcerazioni, la locale di ‘ndrangheta si era ricostituita e aveva fatto affari d’oro anche con la gestione di alcuni parcheggi privati per i passeggeri dell’aeroporto di Malpensa. Per questo, 22 esponenti della locale di Legnano e Lonate Pozzolo, nel Varesotto, sono stati condannati oggi con pene fino a 18 anni di carcere. A emettere la sentenza è stata il gup Anna Magelli, che ha raccolto le richieste dei pm della Direzione distrettuale antimafia Cecilia Vassena e Alessandra Cerreti, titolari dell’inchiesta che aveva disarticolato la locale legata alla cosca Farao-Marincola di Cirò Marina (Crotone).

Le indagini, partite nell’aprile 2017, avevano documentato la capacità dell’associazione di infiltrarsi negli apparati istituzionali dell’area di Varese e il processo di ridefinizione degli assetti organizzativi del clan mafioso, a seguito della scarcerazione di due boss condannati nei processi Infinito e Bad Boys. Nel 2019 l’operazione Krimisia, partita dalla denuncia di un imprenditore lombardo che voleva aprire un parcheggio a Malpensa senza scendere a compromessi con i mafiosi, aveva portato all’arresto di 34 persone (27 in carcere, 7 ai domiciliari) accusate a vario titolo di associazione di tipo mafioso, danneggiamento seguito da incendio, estorsione, violenza privata, lesioni personali aggravate, minaccia, detenzione e porto abusivo di armi, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, truffa aggravata ai danni dello Stato e intestazione fittizia di beni, accesso abusivo a un sistema informatico o telematico.

Questa mattina, il giudice Magelli ha inflitto 18 anni di carcere al presunto boss Mario Filippelli e 14 anni e 8 mesi per Vincenzo Rispoli, già condannato in via definitiva come capo della locale di Legnano-Lonate Pozzolo. Tra i condannati, con 8 anni e 8 mesi, c’è anche l’ex consigliere comunale di Fratelli D’Italia a Ferno Enzo Misiano. Sentenza di colpevolezza pure per Emanuele De Castro e il figlio Salvatore, rispettivamente condannati a 5 anni e 2 anni e 2 mesi: dopo essere finiti agli arresti nel luglio 2019 con l’operazione Krimisia, hanno deciso di collaborare con inquirenti e investigatori. Per coloro che rispondono di associazione di stampo mafioso è stata disposta anche la misura di sicurezza della libertà vigilata per tre anni.

Il giudice ha dichiarato l’impossibilità a procedere per due imputati per il reato di estorsione in percosse, in quanto manca la querela. È stato assolto con la formula “perché il fatto non sussiste” Giovanni Vincenzino, investigatore privato e per anni consulente esterno della Procura di Busto Arsizio e di Varese, che però è stato arrestato di nuovo qualche giorno fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ci sono imprenditori che cercano di far fuori la concorrenza appoggiandosi ai capitali mafiosi”. L’allarme della ministra Lamorgese

next
Articolo Successivo

Coronavirus, revocati i domiciliari anche al boss Francesco La Rocca: torna in carcere

next