La sera del 2 luglio 2020 sei scrittori si contenderanno il 74esimo Premio Strega. Sono: Gianrico Carofiglio con La misura del tempo (Einaudi); Daniele Mencarelli con Tutto chiede salvezza (Mondadori); Jonathan Bazzi con Febbre (Fandango); Sandro Veronesi con Il Colibrì (La Nave di Teseo); Valeria Parrella con Almarina (Einaudi); Gian Arturo Ferrari con Ragazzo Italiano (Feltrinelli). Nessun romanzo si somiglia, ma ciascuna opera ha una voce potente, peculiare, precisa. Gara dura, nonostante i favoriti (Veronesi e Carofiglio). È la prima volta che si presenta una sestina in finale. Ed è la prima volta che un editore (Einaudi) ha due titoli a un metro dal traguardo. Una curiosità geografica: ogni storia è ambientata in una città-luogo diverso dell’Italia, da Milano a Napoli, passando per la bassa padana, la Toscana, Roma, Bari. Di seguito una breve scheda critica di ogni libro, le probabilità di vittoria e tre domande identiche poste dal FQMagazine ad ogni autore.

Premio Strega 2020, tutto quello che c’è da sapere. E i candidati rispondono alla domanda “chi lo vincerà?”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, al Grand Palais una mostra digitale dedicata a Pompei. Grazie a tecnologie 3d visitatore potrà assistere all’eruzione del 79 d.C

next
Articolo Successivo

Il Cirque du Soleil è in bancarotta mentre ripartono i circhi con gli animali: non riesco a non scandalizzarmi

next