L’operazione nella quale era stato pizzicato nel 2017 non doveva averlo scosso più di tanto. E dopo il sequestro dei bar Mizzica! aveva riorganizzato alcuni dipendenti e familiari aprendo la catena Katanè Sapori di Sicilia. A tre anni di distanza, il Tribunale di Roma ha messo i sigilli anche su quelli, uno dei quali aperto nell’ex Caffè dell’Orologio, storico chioso al centro di piazzale Flaminio.

È terminata così l’inchiesta della Dda di Roma, delegata ai finanzieri, nei confronti di Gaetano Vitagliano, arrestato nel giugno 2017 nell’ambito dell’operazione Babylonia e condannato nel 2018 a 11 anni e 6 mesi reclusione, con una confisca di beni per 9 milioni di euro. Gli investigatori lo ritengono a capo di un’associazione, vicina al clan camorristico degli Scissionisti Amato-Pagano, dedita al riciclaggio e all’intestazione fittizia di beni.

Tre anni fa gli erano stati sequestrati i bar siciliani Mizzica! di via Catanzaro, in zona piazza Bologna, e piazza Acilia, ancora oggi sotto il controllo di un amministratore giudiziario. Ma la Guardia di finanza hanno continuato a indagare notando l’apertura di alcuni punti vendita con il marchio Katanè e logo simile a quello della catena Mizzica.

L’inchiesta – secondo il Tribunale di Roma – ha permesso di dimostrare come i nuovi bar erano nati da ex dipendenti della vecchia catena, avevano gli stessi fornitori e dipendenti, tra cui anche familiari di Vitagliano. Una continuità che, secondo gli investigatori, dimostra come anche i quattro Katanè siano stati aperti con soldi ricavati da attività illegali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pagamenti elettronici, il magistrato Sabella: “Usura, droga e grande liquidità: così le mafie vogliono comprarsi l’economia sana sfruttando l’emergenza. Aboliamo il contante per fermarle e legalizzare il Paese”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, revocati i domiciliari al boss Francesco Bonura: dopo la scarcerazione il colonnello di Provenzano torna al 41bis

next