“Ci si indebita anche per 50 euro per comprare cibo. Gli strozzini fanno affari”, così un parroco di periferia nell’intervista di Angela Camuso per Sono le Venti, il programma di Peter Gomez in onda sul Nove, racconta come agiscono gli strozzini della Camorra ai tempi del coronavirus. “Qui – racconta – la gente è tutta in nero. È inguaiata”. Immediata la risposta del senatore e giornalista Sandro Ruotolo, ospite della trasmissione, che ha offerto al parroco una mano: “Se ha paura venga da me, denuncio io”. Nella puntata di martedì sera la seconda parte della testimonianza del parroco che racconta cosa succede quando uno dei capi viene messo in prigione.

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carceri, Bonafede a La7: “Di Matteo su Dap? Esterrefatto, l’idea che abbia ritirato proposta per paura non sta né in cielo né in terra”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, ai domiciliari anche uno dei carcerieri del piccolo Giuseppe Di Matteo. Il ragazzino fu rapito e poi sciolto nell’acido

next