Violenti scontri tra esercito e manifestanti e banche date alle fiamme o prese d’assalto. Sono le proteste che da alcuni giorni si verificano in Libano, in particolare nella zona nord del Paese. Gli antigovernativi manifestano contro il carovita, la corruzione e il sistema bancario, considerato assieme ai politici il principale responsabile della grave crisi economica in cui si trova il Paese. Le violenze sono cominciate ieri pomeriggio nel distretto di Tripoli, ma in serata si sono estese a Sidone, nel sud, a Beirut e nella valle della Bekaa. I dimostranti, in larga parte giovani armati di bastoni e pietre, hanno preso d’assalto le sedi dei diversi istituti bancari e hanno tentato di assaltare la sede della Banca centrale a Beirut e le sedi locali dell’istituto di credito nazionale a Sidone. Nella Bekaa le proteste si sono svolte nella cittadina di Barr Elias, lungo la strada Beirut-Damasco. Incidenti analoghi si sono registrati nel centro di Beirut e in altre zone della capitale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il decreto di Trump per sedare i timori sull’approvigionamento: “I mattatoi devono restare aperti”

next
Articolo Successivo

Cuba, terremoto di magnitudo 4.5. Epicentro localizzato a est dell’isola, a 39 km da Baracoa

next