Un’autobomba è esplosa ad Afrin, nella provincia di Aleppo, causando 40 morti e quasi 50 feriti. È successo nel pomeriggio, quando una cisterna-bomba si sarebbe scagliata contro una zona affollata di negozi dell’iftar, il tradizionale pasto della rottura del digiuno giornaliero nel mese islamico di Ramadan. Afrin, nella Siria nordoccidentale, fino al gennaio del 2018 era un’enclave curda, passata poi sotto il controllo delle fazioni filo-turche grazie a una campagna militare promossa dal governo di Erdogan. Le autorità di Ankara hanno accusato i miliziani delle Ypg, le Unità di protezione del popolo curdo, di aver organizzato l’attacco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile, Bolsonaro nomina il nuovo ministro della Giustizia: è predicatore evangelico e avvocato

next