Un “violento attacco” alla “giurisdizione ed alle sue prerogative”. Così l’Associazione nazionale magistrati, esprimendo “solidarietà” ai colleghi di Milano, giudica le reazioni all’ordinanza di scarcerazione del boss di Cosa Nostra Francesco Bonura, detenuto in regime di 41bis, al quale sono stati concessi i domiciliari.

Condannato in via definitiva nel 2012 per associazione mafiosa ed estorsione a 18 anni e 8 mesi di carcere, considerato uno dei colonnelli di Bernardo Provenzano, come ha raccontato ilfattoquotidiano.it Bonura ha ottenuto gli arresti domiciliari dal tribunale di sorveglianza di Milano. Una decisione che ha scatenato reazioni politiche e l’assicurazione del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, che verranno svolte “verifiche” perché il dl Cura Italia non riguarda i mafiosi.

“La magistratura di sorveglianza di Milano ha adottato una decisione relativa al differimento della pena per gravi motivi di salute nei confronti di un detenuto, secondo argomentate motivazioni”, si legge nella nota dell’Anm in difesa del provvedimento. “L’ordinanza è stata oggetto di reazioni e commenti che, ben lontani dalla legittima critica di ogni decisione, si risolvono in un violento attacco non solo al provvedimento (il cui contenuto è evidentemente ignorato), ma alla stessa giurisdizione ed alle sue prerogative”, è la reazione dell’Associazione nazionale dei magistrati, che esprime “solidarietà” ai colleghi di Milano.

Memoriale Coronavirus

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Di Matteo: “Boss scarcerati? Segnale tremendo, lo Stato sembra cedere al ricatto delle rivolte orchestrate dalle mafie. Non dimentichiamo la trattativa” – L’intervento a Sono le Venti (Nove)

next
Articolo Successivo

Coronavirus, colletti bianchi e reggenti del clan: pure gli uomini della ‘ndrangheta in Emilia vogliono andare ai domiciliari

next