La Corte d’appello di Reggio Calabria ha concesso gli arresti domiciliari a Rocco Santo Filippone, 72 anni, ritenuto il boss della ‘ndrangheta di Melicucco, centro della Piana di Gioia Tauro, e imputato nel processo ‘Ndrangheta stragista insieme al boss di Brancaccio Giuseppe Graviano. Filippone dunque esce dal carcere torinese “Le Vallette”: i giudici hanno accolto la sua richiesta per motivi di salute per evitare di contrarre il coronavirus.

Il provvedimento, in vigore fino alla fine dell’emergenza Covid – fanno sapere i legali Guido Contestabile e Angelo Sorace – si è reso necessario per le “condizioni particolarmente a rischio” di Filippone che risulta affetto da patologie cardio-vascolari gravi, come attestato anche dai sanitari del carcere torinese.

Filippone, uomo di fiducia del clan Piromalli, è imputato in Corte d’Assise a Reggio Calabria nel processo ‘Ndrangheta stragista con l’ex capo del mandamento di Brancaccio di Palermo Graviano, a seguito di una indagine sui rapporti ‘Ndrangheta-Cosa Nostra. Nel processo si ipotizza che Filippone e Graviano siano i mandanti dell’omicidio dei carabinieri Fava e Garofalo, avvenuto nel gennaio 1994 vicino allo svincolo di Scilla sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria. L’assassinio, secondo l’ipotesi accusatoria, rientrerebbe nella strategia di attacco e ricatto allo Stato da parte della mafia e della ‘ndrangheta, che in qual frangente si sarebbero alleate.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cosenza, ucciso perché si rifiutò di pagare il pizzo: due persone arrestate per l’omicidio di Santo Nigro, 39 anni dopo

next