Non si possono prendere gli aerei, ma si può ancora fare un giro nelle sale del Louvre a Parigi o salire gli scalini del Met a New York. Teatri e cinema sono chiusi, ma con un paio di click ci si può godere un concerto della Fenice di Venezia o della Filarmonica di Berlino. E – meraviglia delle meraviglie – si può perfino entrare alla Nasa o a Buckingham Palace. Il virtuale viene in aiuto alla cultura, in questa lunga chiusura imposta dall’emergenza coronavirus: oltre alle iniziative nel mondo, le grandi istituzioni italiane accolgono l’invito del ministero della Cultura (#iorestoacasa) e digitalizzano le proprie collezioni. Dai film d’autore ai libri, ecco cosa si può fare restando sul divano.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eduard Limonov, è morto lo scrittore russo. Una vita da romanzo: un po’ fuorilegge e un po’ perseguitato dalla Russia di Putin

next
Articolo Successivo

Jovanotti, Fedez, Samuel e Boosta (ma non insieme), Alessandro Borghi tra talk, live e beneficenza per il Coronavirus: ecco il meglio del palinsesto su Instagram

next