Il primo mese del 2020 è stato il gennaio più caldo di sempre a livello globale e ha così battuto il primato del gennaio 2016 (+0,03 gradi medi). In Europa, invece, l’incremento è stato di 3,1 gradi sul periodo di riferimento 1981-2010 e rispetto a gennaio 2007, secondo anno più caldo nel nostro continente, l’aumento medio delle temperature è stato di 0,2 gradi. Il 2019 è diventato invece l’anno più caldo di sempre in Europa: gli ultimi dati mostrano che le temperature sono state di oltre 1,2 gradi sopra la media del trentennio 1981-2010. Per il resto del mondo, invece, il 2019 è stato il secondo anno più caldo. È la sintesi del Copernicus Climate Change Service (CS3), che ha condotto l’analisi insieme al Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine (Ecmwf) per conto dell’Unione Europea. Le temperature medie di gennaio 2020 sono state particolarmente elevate in diverse zone dell’Europa nord-orientale, anche oltre 6 gradi in più. L’Italia non fa eccezione: lunedì scorso a Torino e Cuneo, ad esempio, le temperature hanno sfiorato i 27 gradi, valori praticamente estivi, mentre sulle Alpi Marittime, “sono stati raggiunti picchi di 20-22 gradi a 1000 metri e notevoli anche i 24-25 gradi registrati sul fondovalle aostano”. E anche i giorni della Merla (29-31 gennaio) sono stati più primaverili che invernali.

“Gli ultimi dati – rileva il CS3 – mostrano che il 2020 continua a far registrare temperature da record. La temperatura media globale per il luglio 2019 è stata lievemente più alta di quella del luglio 2016”, spiegano dal Copernicus Climate Change Service. Dati che però non sembrano destinati a migliorare: secondo l’Ufficio meteorologico britannico (Met Office) i prossimi cinque anni, tra il 2020 e il 2024, potrebbero essere i più caldi degli ultimi 150 anni, con picchi fino a 1,62 gradi centigradi superiori alle temperature medie globali dei livelli pre-industriali. Colpa dell’aumento dei gas serra. Il record appartiene finora al 2016, che ha registrato una temperatura di 1,16 gradi superiore ai livelli pre-industriali.

Tornando ai dati del C3S, in Europa il gennaio 2020 è stato meno piovoso della media, con l’eccezione della Norvegia e nelle regioni tra il nordest della Spagna e il sud della Francia. Al contrario, nell’emisfero sud del Pianeta diversi Paesi, tra cui l’Australia dell’ovest, il Madagascar e il Mozambico, hanno registrato piogge molto più frequenti della media. Per quanto riguarda i Poli, sia l’Artide che l’Antartide hanno dovuto fare i conti con coperture di ghiaccio sotto la media del periodo di riferimento. “Gli ultimi dati – rileva il C3S – mostrano che il 2020 continua a far registrare temperature da record. La temperatura media globale per il luglio 2019 è stata lievemente più alta di quella del luglio 2016″.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Trentino nascerà un parco faunistico per ‘lupi e orsi problematici’

next
Articolo Successivo

Amazzonia, anche l’Italia nella scuola che sradica l’analfabetismo. E che ora è costretta a chiudere

next