Record di caldo per il periodo invernale in Norvegia: la colonnina di mercurio ha toccato i 19 gradi centigradi. Non era mai successo nel mese di gennaio. La temperatura è stata registrata nella località occidentale di Sunndalsøra, secondo quanto comunica l’Istituto meteorologico del Paese scandinavo. Un caldo così intenso non si verificava dal 1989, quando a Tafjord si registrarono 17,9 gradi. Sia Sunndalsøra che Tafjord si trovano nella contea di More og Romsdal.

Le autorità norvegesi, riporta il quotidiano di Oslo Vg, attribuiscono il caldo eccezionale ai venti di Fohn che stanno soffiando sul Paese. Le temperature dovrebbero scendere venerdì 3 gennaio, quando è previsto l’arrivo di una nuova perturbazione. Sunndalsøra già detiene il record norvegese per il dicembre più caldo con 18,3 gradi nel 1998 e del febbraio più caldo con 18,9 gradi nel 1990.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima: malgrado le buone intenzioni, il discorso di Mattarella non ha esaminato le vere cause

next
Articolo Successivo

Milano, polizia per proteggere l’abbattimento di alberi al campus Bassini. M5s e ambientalisti: “Fine di uno degli ultimi polmoni verdi in città”

next