Dall’estate all’inverno in una settimana. Lunedì un anticiclone nordafricano e il vento di Föhn hanno portato le temperature fino a 27 gradi a Pinerolo e 26 a Torino, nei giorni che tradizionalmente sono tra i più freddi dell’anno. Ma, in poche ore, la situazione è destinata a cambiare radicalmente: da martedì, sotto la spinta delle correnti polari, è previsto un primo calo delle temperature. Entro giovedì sono previsti fino a 10-12 gradi in meno.

Il caldo record registrato in Piemonte, secondo l’Arpa, è stato l’effetto di intense correnti nordoccidentali convogliate da una saccatura proveniente dalla Scandinavia. Venti di Föhn molto forti, con raffiche fino a 160 km/h in quota e oltre 90 km/h nelle vallate alpine e nei fondovalle. Intanto in Sardegna, dopo i giorni della merla caratterizzati da un clima primaverile, è stata una giornata quasi estiva con temperature da record per il mese di febbraio. Nella zona di Capo Bellavista, sulla costa centro orientale, alle 13 si sono toccati i 27 gradi. Una temperatura mai raggiunta in questo mese legata al campo di alta pressione che in questo momento insiste sul bacino del Mediterraneo.

Da martedì invece forti correnti settentrionali porteranno aria polare. Lorenzo Badellino, meteorologo di 3bmeteo.com, prevede che “l’alta pressione si allungherà dall’Europa occidentale verso le isole britanniche favorendo la discesa di correnti fredde di origine artica lungo il suo bordo destro, che irromperanno sull’Italia determinando un brusco calo termico da nord a sud entro giovedì. Sarà anche l’occasione per il ritorno della neve a quote basse sulle Alpi di confine e sulle adriatiche centro-meridionali”. A Milano è stata emanata l’allerta arancione per vento forte a partire dalle prime ore della mattinata. Codice arancione anche in Toscana dalle 8 alle 18 in particolare sull’Arcipelago e la costa livornese e grossetana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fukushima, il governo giapponese verso lo smaltimento delle acque radioattive in mare. Denuncia ambientalisti: ‘Solo per risparmiare’

next
Articolo Successivo

Il governo punta ancora su gas e carbone. Ma la Sardegna può essere il punto di svolta

next