Nylon, ma anche microplastiche e altri materiali. È quanto trovato da alcuni pescatori nello stomaco di una spigola. Un pesce, come spiega la Onlus della Sardegna, Seame, “predatore” che si nutre di “invertebrati come crostacei, molluschi e da adulta soprattutto di pesci” e che proprio per questo può “scambiare i frammenti di plastica per le prede”. Le immagini mostrano un uomo, probabilmente un pescatore, che in spagnolo spiega, pulendolo e mostrando il contenuto, quanto trovato dentro al pesce. “Gli effetti delle microplastiche sulla salute dell’uomo sono ancora da determinare. Nel frattempo, però, questi frammenti continuano a inquinare i nostri mari, uccidere animali ed entrare nella nostra catena alimentare. Ferma l’inquinamento da plastica!”, è l’appello lanciato da Marevivo onlus, l’associazione che per prima ha condiviso le immagini su Facebook.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Malpensa, il progetto del collegamento treno con Gallarate è una minaccia al parco del Ticino

next
Articolo Successivo

Incendi in Australia, danni incalcolabili per la biodiversità e per l’uomo: ecco cosa bisogna precisare su arresti, foto e animali uccisi

next