Cento chili di spazzatura all’interno dello stomaco, tra cui sacchetti di plastica, reti, corde e bicchieri. Un capodoglio è stato trovato sulla spiaggia di Luskentyre, isola di Harris, Scozia. “Tutto il materiale componeva una palla di rifiuti” hanno detto i ricercatori dello Scottish Mareine Animal Standing Scheme, “che probabilmente ha ostruito la digestione e il funzionamento dell’intestino. Ciò dimostra, ancora una volta, cosa può provocare l’inquinamento dei mari”.

Video Facebook/Scottish Mareine Animal Standing Scheme

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, Italia al sesto posto al mondo per numero di vittime. Agenzia europea ambiente: a rischio obiettivi fissati per il 2030

next
Articolo Successivo

Clima, al via la Conferenza di Madrid. Tuttavia su questi temi anche la Spagna è in seria difficoltà

next