Peschiamo tre carte dal mazzo intonso dell’Anno Nuovo; e ci ritroviamo fra le dita, ancora lucide e patinate, carte identiche a quelle, ormai logore e opache, dell’Anno Vecchio. Il 2020 del Mondo ripropone gli stessi temi e le stesse crisi del 2019: storie da seguire per tutto l’anno, Brexit, clima, Usa 2020. Il jolly, potrebbe essere l’impeachment, se non dovesse fare flop subito a gennaio. E qualcosa di meno tetro? Lo sport ci aiuta, con gli Europei di calcio e le Olimpiadi di Tokyo.

I panni di Donald Trump stesi sul filo della storia sgocciolano sul 2020: negli Stati Uniti, che iniziano l’anno nel doppio segno dell’impeachment e delle elezioni presidenziali del 3 novembre; e ovunque altrove nel Mondo, perché gli Usa sono imprescindibili in ogni contesto e in ogni crisi globale, nonostante il loro presidente sbandieri – a parole, non nei fatti – una versione spicciola della dottrina monroviana, stile “facciamoci i fatti nostri”. Contraddetta in serie dai comportamenti in Venezuela, in Iran, in Iraq, in Siria, in Afghanistan, per non parlare dell’interventismo commerciale verso, anzi contro, la Cina e l’Ue e delle ingerenze in Gran Bretagna (e nella Brexit), per non parlare dell’Ucraina.

L’amico vignettista Gianfranco Uber mi informa di un sondaggio fatto dalla R+V Versicherung, una compagnia di assicurazioni tedesca, gente che di rischi se ne intende: Trump è, per i tedeschi, l’uomo più pericoloso del pianeta, le sue scelte a dimensione globale rendono il mondo meno sicuro. Se sarà rieletto, ci toccherà tenere le cinture allacciate per un altro quadriennio; e sperare che gli altri piloti – Ursula ed Emmanuel, ma pure Xi e Putin e Hassan; guarda a chi ci tocca d’affidarci – sappiano evitare rotte di collisione.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Hong Kong, “oltre un milione di persone in piazza per la marcia pro-democrazia di Capodanno”. Scontri con la polizia: “400 arresti”

next
Articolo Successivo

Siria, missili di Damasco contro una scuola a Idlib: morti 8 civili, tra cui 4 bambini. Nyt: “60 ospedali bombardati da aprile”

next