Tra 2008 e 2015 i gruppi europei dell’acciaio, del cemento, della chimica e del petrolio hanno incassato 25 miliardi come “effetto collaterale” del sistema europeo per lo scambio delle quote di emissione. Quello che dovrebbe ridurre i gas effetto serra rendendo costoso rilasciare CO2. Su FqMillennium in edicola, Chiara Brusini e Marco Procopio raccontano come funziona il meccanismo e qual è il peccato originale che ha consentito all’industria di guadagnare dall’inquinamento.

Il nuovo numero è in edicola dal 16 novembre: “Ecco gli ipocriti sul carro di Grata Thunberg”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dissesto idrogeologico, l’Italia per riparare i danni spende il quadruplo rispetto alla prevenzione. E le città sono le più a rischio

prev
Articolo Successivo

Liguria ostaggio del maltempo: ma dietro i danni ci sono anche cementificazione selvaggia e opere da completare

next