Tra 2008 e 2015 i gruppi europei dell’acciaio, del cemento, della chimica e del petrolio hanno incassato 25 miliardi come “effetto collaterale” del sistema europeo per lo scambio delle quote di emissione. Quello che dovrebbe ridurre i gas effetto serra rendendo costoso rilasciare CO2. Su FqMillennium in edicola, Chiara Brusini e Marco Procopio raccontano come funziona il meccanismo e qual è il peccato originale che ha consentito all’industria di guadagnare dall’inquinamento.

Il nuovo numero è in edicola dal 16 novembre: “Ecco gli ipocriti sul carro di Grata Thunberg”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dissesto idrogeologico, l’Italia per riparare i danni spende il quadruplo rispetto alla prevenzione. E le città sono le più a rischio

next
Articolo Successivo

Liguria ostaggio del maltempo: ma dietro i danni ci sono anche cementificazione selvaggia e opere da completare

next