Tra 2008 e 2015 i gruppi europei dell’acciaio, del cemento, della chimica e del petrolio hanno incassato 25 miliardi come “effetto collaterale” del sistema europeo per lo scambio delle quote di emissione. Quello che dovrebbe ridurre i gas effetto serra rendendo costoso rilasciare CO2. Su FqMillennium in edicola, Chiara Brusini e Marco Procopio raccontano come funziona il meccanismo e qual è il peccato originale che ha consentito all’industria di guadagnare dall’inquinamento.

Il nuovo numero è in edicola dal 16 novembre: “Ecco gli ipocriti sul carro di Grata Thunberg”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dissesto idrogeologico, l’Italia per riparare i danni spende il quadruplo rispetto alla prevenzione. E le città sono le più a rischio

next
Articolo Successivo

Liguria ostaggio del maltempo: ma dietro i danni ci sono anche cementificazione selvaggia e opere da completare

next