“L’astensione del giudice Federico Bonagalvagno al processo sui depistaggi? Siamo soddisfatti. Dopo dieci anni di processi sbagliati a causa proprio degli stessi depistaggi e di falsi andati avanti nel tempo, la nostra famiglia ha diritto ha un processo sereno e privo di condizionamenti”. A rivendicarlo Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, commentando la decisione del magistrato alla prima udienza del nuovo dibattimento. Tutto mentre si avvicina a sentenza (attesa per giovedì 14 novembre, ndr) il processo Cucchi bis, relativo all’omicidio del geometra romano. Era stata la stessa famiglia Cucchi a chiedere al giudice monocratico di astenersi dopo aver appreso che Bonagalvagno aveva organizzato convegni a cui avevano partecipato alti ufficiali dell’Arma. Adesso, Giulia Cavallone è stata nominata come nuovo giudice monocratico. Dopo la costituzione di parte civile dell’Arma e della presidenza del Consiglio, anche il ministero della Giustizia ha intanto presentato istanza: “Questa è la conferma che non c’è una battaglia in corso tra famiglia Cucchi, istituzioni e Arma dei carabinieri”, ha concluso Ilaria Cucchi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Abbiamo una fabbrica di denaro”, così evadevano l’Iva con fatture false: 17 arresti

prev
Articolo Successivo

Inchiesta Marghera, l’imprenditore: “Le paghe da fame a operai? Per permetterci mazzette e regali agli uomini di Fincantieri”

next