“L’astensione del giudice Federico Bonagalvagno al processo sui depistaggi? Siamo soddisfatti. Dopo dieci anni di processi sbagliati a causa proprio degli stessi depistaggi e di falsi andati avanti nel tempo, la nostra famiglia ha diritto ha un processo sereno e privo di condizionamenti”. A rivendicarlo Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, commentando la decisione del magistrato alla prima udienza del nuovo dibattimento. Tutto mentre si avvicina a sentenza (attesa per giovedì 14 novembre, ndr) il processo Cucchi bis, relativo all’omicidio del geometra romano. Era stata la stessa famiglia Cucchi a chiedere al giudice monocratico di astenersi dopo aver appreso che Bonagalvagno aveva organizzato convegni a cui avevano partecipato alti ufficiali dell’Arma. Adesso, Giulia Cavallone è stata nominata come nuovo giudice monocratico. Dopo la costituzione di parte civile dell’Arma e della presidenza del Consiglio, anche il ministero della Giustizia ha intanto presentato istanza: “Questa è la conferma che non c’è una battaglia in corso tra famiglia Cucchi, istituzioni e Arma dei carabinieri”, ha concluso Ilaria Cucchi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Abbiamo una fabbrica di denaro”, così evadevano l’Iva con fatture false: 17 arresti

next
Articolo Successivo

Inchiesta Marghera, l’imprenditore: “Le paghe da fame a operai? Per permetterci mazzette e regali agli uomini di Fincantieri”

next