“Questo non è un processo all’Arma, ma a cinque carabinieri traditori che nel 2009 violarono il giuramento di fedeltà alle leggi e alla Costituzione, tradendo innanzitutto l’Istituzione di cui facevano e fanno parte”. A rivendicarlo, nell’aula bunker di Rebibbia durante la fase conclusiva della requisitoria, il pm Giovanni Musarò nel processo per la morte di Stefano Cucchi. Un riferimento, quello del tradimento, anche per gli altri carabinieri accusati del depistaggio nell’altro processo: il generale Alessandro Casarsa, il colonnello Francesco Cavallo, il tenente colonnello Luciano Soligo, il luogotenente Massimiliano Colombo Labriola e il carabiniere Francesco Di Sano. E ancora, Musarò ha ricordato come i depistaggi abbiano raggiunto “picchi inimmaginabili, da film dell’orrore

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cucchi, il pm: “Non è un processo all’Arma ma a cinque carabinieri traditori”. E chiede 18 anni per i due autori del pestaggio

next
Articolo Successivo

Il Papa nomina l’ex procuratore di Roma Pignatone presidente del tribunale Vaticano

next